EMIDIO PEPE. VINO SECONDO TRADIZIONE!

Source: www.emidiopepe.com

L’azienda Pepe nasce nel 1964 a Torano Nuovo, in provincia di Teramo. Emidio Pepe, fondatore, ha creduto da subito nelle potenzialità sia del Montepulciano che del Trebbiano D’Abruzzo. Oggi sotto il suo sguardo attento l’azienda continua a produrre vini come da tradizione guidata dalle figlie Sofia e Daniela, aiutate dalle nipoti Chiara ed Elisa.

La filosofia aziendale si fonda essenzialmetne sull’equilibrio del vigneto, convinti che solo un’uva sana può dare vita ad un grande vino. In vigna sono esclusi prodotti chimici e di sintesi, anche nelle annate più difficili. Solo rame, zolfo e preparati biodinamici per salvaguardare appieno il terroir. In cantina le fermentazioni sono spontanee senza liveiti selezionati e/o enzimi che stimolano la genesi dei profumi. L’azienda Pepe, sin dalla fondazione non ha introdotto la meccanizzazione dei processi. La raccolta è manuale così come la diraspatura eseguita su grate di legno. La pigiatura è fatta schiacciando l’uva con i piedi in grandi vasche di legno, 350 kg per volta. La fermentazione avviene in vasche di cemento e l’affinamento e invecchiamento del vino avviene esclusivamente in bottiglia. Il vino non chiarificato si deposita sul fondo e successivamente, quando si decide che l’annata può essere rilasciata, in caso di annate datate, il vino viene decantato e imbottigliato i nuovo. Un vino, insomma, prodotto naturalmente ed artigianalmente che è espressione pura del territorio di provenienza.

Qualche giorno fa ho degustato alcuni vini di questo produttore. Non era la prima volta che bevevo i vini di Emidio Pepe e come sempre sono rimasto affascinato dall’aspetto vivido e vivo, dalla morbidezza a e da come questi vini riescano a reggere il passare del tempo.


TREBBIANO D’ABRUZZO 2015. Si presenta di colore giallo paglierino carico. Al naso è fruttato e floreare con riconoscimenti di pesca a polpa gialla, girasole e leggere note mentolate. La beva è fresca e sapida, in perfetto equilibrio. Chiude lentamente lasciando in bocca accenni minerali. E’ un vino dotato di una buona struttura che può reggere ancora molto bene il passare del tempo e dotato di una strabiliante aderenza espressiva.

PECORINO 2015. Limpido, giallo paglierino, con una buona consistenza nel bicchiere. Al naso frutta a polpa bianca e fiori bianchi, con richiami agrumati e note erbacee. In bocca si palesa con una buona freschezza e ottima sapidità. Intenso, persistente, con un finale ammandorlato. Un pecorino da 10 e lode.

MONTEPULCIANO D’ABRUZZO 2014. Rosso rubino intenso. Al naso emana note leggermente vinose, poi frutta di bosco, rosa rossa e spezie dolci. In bocca è coerente con la fase olfattiva. I tannini sono moderati e ben bilaciati e mostra una buona sapidità minerale. E’ un vino di corpo e già ben armonizzato.

MONTEPULCIANO D’ABRUZZO 2007. Dall’aspetto rivela consistenza e promette un generoso grado alcolico. Al naso prevale frutta rossa matura e fiori appassiti. Speziato e balsamico. In bocca è caldo e travolgente. Spicca per freschezza e rivela tannini morbidi e setosi. Anche per questo vino utilizzerei il termine di aderenza espressiva, identificando appieno il territorio da cui proviene.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.