IL VERMENTINO

Il Vermentino è un vititigno a bacca bianca semi aromatico.

UN PO’ DI STORIA L’origine è incerta. Non si sa con esattezza dove sia nato. Alcune teorie ne indicano come zona primaria la Spagna dove era noto con il nome di Listan D’Andalusia. Altre lo identificano nativo del Portogallo dove è conosciuto con il nome di Codega. Altre ancora lo associano all’Isola di Madeira per le sue affinità con la Malvasia del luogo. Dalla penisola Iberica sarebbe arrivato, poi, in Francia e successivamente, nel XIV secolo, in Corsica. Da li, si sarebbe diffuso nei secoli successivi in Liguria, Sardegna e Toscana.

Secondo il Prof. Fregoni, uno dei piu autorevoli studiosi e ricercatori in campo vitivinicolo, partendo dalla conformazione del grappolo e degli acini si potrebbe presupporre una origine Medio Orientale. Dalle coste dell’Anatolia sarebbe arrivato in Turchia e da li si sarrebbe diffuso nelle regioni del Mar Egeo. I Greci, poi, lo avrebbero portato a Marsiglia da dove, ad opera dei liguri sarebbe arrivato prima nel sud della Francia e successivamente in Liguria, addentrandosi pian piano nell’entroterra piemontesee e nelle isole di Sardegna e Corsica.

IL VERMENTINO OGGI Il Vermentino è coltivato prevalentemente in Sardegna e Liguria ma anche nella Toscana settentrionale. Al di fuori dei confini troviamo ampi vigneti in Corsica e nella zona del Languedoc-Roussillon. Il Vermentino si attesta comunque come vitigno del bacino Mediterraneo e le sue caratteristiche ampelografiche lo rendono adatto a zone costiere calde e aride.

In Italia sono circa 4200 gli ettari coltivati con una redistribuzione che vede al primo posto la Sardegna con un 74% e poi a seguire Toscana (14%), Liguria (6%) e Piemonte (2%). Le sua predilezione per le aree calde e soleggiate ha visto, di recente, una sua introduzione in alcune aree della Sicilia.

Ad oggi il Vermentino, che ha riscoperto un vero e proprio boom e produzioni di elevata qualità, rientra in circa 50 DOC e nella DOCG Vermentino di Gallura. Anche se i vini da Vermentino hanno caratteristiche diverse a seconda di dove sono prodotti, sicuramente si può citare come tratti comuni, il discreto tenore alcolico, la morbidezza e la sapidità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.