IL PETITE ARVINE

Immagine presa dal sito delle politiche agricole – catalogo viti

Chiamata anche vite dei ghiacciai, il Petite Arvine è un vitigno a bacca bianca, autoctono della Valle d’Aosta.

UN PO’ DI STORIA In realtà l’origine è contesa tra la Valle d’Aosta e il Vallese ed è difficile stabilire con precisione dove si sia radicata per prima. Studi recenti, indicano una correlazione genetica tra il Petite Arvine e il Priè Blanc, un vitigno autoctono Valdostano. Altre teorie più datate andavano, invece, a favore dell’origine Vallese proponendo legami tra il vitigno e la vitis helvola o indicando la provenienza dalla zona del fiume Avre nello Chablais.

CARATTERISTICHE DEL VITIGNO Il Petite Arvine ha acini piccoli (e Petite vuol dire proprio questo) con buccia sottile e non ricca di pruina. La colorazione è verdastra con tendenza al giallo. Questo vitigno riesce ad adattarsi ai climi più freddi e ha trovato in Valle d’Aosta un terroir ideale. Non predilige, però, le aree fortemente ventilate. In genere è coltivato tra i 600 e i 900 metri slm con forti pendenze e si può parlare di viticoltura eroica, con terrazzamenti e lavorazioni esclusivamente manuali. Avendo una maturazione tardiva predilige le esposizioni con elevata insolazione e una delle caratteristiche principali è che pur al pieno della maturazione riesce a mantenere un buon profilo sotto il punto di vista dell’acidità.

IL VINO Generalmente, i vini ottenuti da questo vitigno sono freschi, sapidi e dinamici. Il corredo aromatico è, spesso, intenso con sentori di agrumi, frutta a polpa bianca e nuance minerali.

Per quanto riguarda le denominazioni, il Petite Arvine rientra nella più generica DOC Valle d’Aosta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.