IL CORTESE

Source: web

Il Cortese è un vitigno a bacca bianca autoctono del Piemonte.

UN PO’ DI STORIA Si suppone abbia avuto origine nelle colline del Tortonese. Il primo documento scritto che cita questo vitigno risale al 1659 ed è una lettera inviata dal fattore del Castello di Montaldeo al Marchese Doria, in cui parla di “impiantamenti di viti tutte di Cortese”. Nel XVIII secolo compare nelle pubblicazioni ampelografiche del Conte Giuseppe Nuvolone Pergamo, vicedirettore della società Agraria di Torino. Nel 1870, De Maria e Leardi lo indicano come il vitIgno a bacca bianca più coltivato nella provincia di Alessandira. Successivamente conobbe una fase di declino a causa della Fillossera che, insieme a quasi tutti i vitigni europei, decimò anche le sue coltivazioni.

Negli anni Cinquanta venne riscoperto anche grazie all’impulso e all’interesse di Mario Soldati ed è nella zona di Gavi che riprende maggior diffusione.

Ad oggi risulta ampiamente diffuso nella zona di Gavi, nel Tortonese e in provincia di Asti, sulla sponda destra del fiume Tanaro.

CARATTERISTICHE DEL VITIGNO E DEI VINI Il cortese presenta grappoli di medio-piccole dimensioni, che possono avere conformazione cilindrica o piramidale, con una o due ali. L’acino è, invece, medio-grande ed prende il tipico colore dorato-rossiccio nella parte più esposta al sole. Possiede una produttività elevata e di solito giunge a maturazione entro fine settembre. Preferisce i terreni collinari e le zone con poca umidità, essendo molto sensibile a Oidio e Botrytis Cinerea.

Il Cortese dona ai vini buona concentrazione zuccherina, elevata acidità e un basso tenore alcolico. Generalmente, essi, hanno un colore giallo paglierino carico con delicate note floreali e fruttate. Il sorso è fresco, scorrevole e con retrogusto minerale.

DENOMINAZIONI In Piemonte troviamo il Cortese di Gavi DOCG mentre in Lombardia, nell’Oltrepò Pavese è stata riconosciuta la DOC e il disciplinare prevede le versioni secco e spumante. Il Cortese entra poi, in Veneto, nel Garda Cortese DOC e nel Bianco di Custoza DOC.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.