CASCINA CARUSSIN

L’azienda agricola Carussin sorge a San Marzano Oliveto, nel Monferrato Astigiano. Fondata nel 1927 dal Ferro Maggiore, proveniente da Calosso. Da qui il soprannome in dialetto Piemontese “Carussin”, ovvero Calossese. Ad oggi, Cascina Carussin è guidata da Luigi e sua moglie Bruna. Sono 13 gli ettari vitati di proprietà ai quali si aggiungono altri 6 ettari di parenti che conferiscono le uve all’azienda. Inoltre Cascina Carussin possiede campi seminatio ad orzo, utilizzato per produrre birra e un bosco di circa 6 ettari che completa lo splendido scenario che si gode da queste colline e ci introduce in un fantastico mondo fatto di biodiversità.

Nata come azienda convenzionale, nel 1984 avviene la svolta. Stop all’utilizzo di qualsiasi sostanza chimica di sintesi nei vigneti e riconversione al biologico. Successivamente si compie un ulteriore passo verso l’agricoltura biodinamica.In cantina il discorso non è diverso con fermentazioni spontanee, nessuna chiarifica o filtrazione e minima aggiunta di solforosa.

Luigi e Bruna si dedicano per la maggior parte alla coltivazione di due varietà tipiche dell’Astigiano; Barbera e Moscato. Dei loro vini gli piace dire che sono a basso impatto antropico, cioè vini che difendono l’integrità del territorio, e fuggono dall’omologazione che chimica, industrializzazione e tecnologia hanno portato nelle opere agricole. L’obiettivo finale è quello di vivere il territorio e non sfruttarlo. In sostanza fare agricoltura in collaborazione con la Natura.

Ultimamente ho avuto l’occasione di bere uno dei loro vini. Scopriamolo insieme!

ASINOI Barbera d’Asti 2018 Ottenuto da uve Barbera provenienti da 4 parcelle diverse, vinificate in botti di vetroresina e affinate in acciaio. Colore rosso rubino. Una delle espressioni più fresche e beverine dell’azienda. Un vino semplice, da pasto che regala al naso e al palato tutta la croccantezza della frutta: ribes, ciliegia e prugna con piacevoli sentori vinosi. Una vera e autentica spremuta d’uva da gustare in semplicità, magari accompagnata da un tagliere di salumi e formaggi. I 12° di tenore alcolico fanno si che il vino scenda giù invogliando al sorso successivo. Vi avverto: la bottiglia finisce molto in fretta ;).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.