IL SUSUMANIELLO

Source: web

Il Susumaniello è un vitigno a bacca nera autoctono della regione Puglia. Dopo la sua recente riscoperta è coltivato principalmente nella provincia di Brindisi e nella parte meridionale di quella di Bari. E’ conosciuto anche come Somarello nero, Zuzomaniello, Zingariello, Cozzomaniello, Grismaniello e Lacrima di Puglia.

UN PO’ DI STORIA Sembra che il nome derivi dalla sua caratteristica di essere molto produttivo, tanto da essere cosi carico di grappoli che i contadini lo paragonarono ad un somarello che svolge il suo lavoro in maniera infaticabile (carico come un somaro, appunto).

Le sue origini sono incerte ma l’ipotesi più accreditata vuole che sia arrivato in Puglia e più specificatamente nella provincia di Brindisi, dalla Dalmazia.

Fino a qualche tempo fa, il vitigno era principalmente utilizzato come uva taglio e in assemblaggio con altre uve. La passione di alcuni viticoltori e la ricerca della qualità ad ogni costo hanno, però, permesso negli ultimi tempi, la crescita del suo impiego in purezza. Per l’ottenimento di produzioni di qualità, la pianta trova la sua giusta conduzione con il sistema ad Alberello.

CARATTERISTICHE DEL VITIGNO E DEI VINI Il Susumaniello, come detto, possiede un’elevata produttività e vigoria, ma anche una resistenza alle malattie come Peronospera e Oidio. Il Grappolo si presenta di media grandezza e gli acini hanno un colore nero-bluastro con buccia spessa e pruinosa.

I vini hanno, in generale, un colore rosso rubino impenetrabile con sentori floreali, fruttati (in prevalenza more, prugna ed amarena), vegetali e speziati. Al sorso si presenta rustico e austero, con una discreta acidità, buon tenore alcolico e tannini abbastanza evidenti.

Ad oggi, il Susumaniello non possiede una DOC dedicata, ma i produttori che lo vinificano in purezza, spesso lo propongono come IGT.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.