ENOSEARCHER

ACQUISTARE VINO SARA’ PIU’ SEMPLICE E CONVENIENTE

Prendi una software house. Aggiungici la passione dei suoi fondatori per il vino. Mescola e spolvera il composto con una manciata di esigenza di acquistare vino durante il lockdown e non trovare nulla che aiuti a comparare i diversi siti.

Ecco che Enosearcher è pronto!

Il progetto, nato durante il lockdown e sviluppato dalla software SDV di Busto Arsizio, ha dato vita al primo portale italiano che aggrega le offerte dei vini in vendita online e propone all’utente un quadro ordinato e personalizzato di dove trovare ciò che sta cercando in base alle caratteristiche e ai prezzi.

Unconventionalwine ha intervistato Davide Ravasi, uno dei soci fondatori per conoscere meglio i dettagli che hanno portato allo sviluppo del portale.

UW: Ciao Davide, come vi è venuta in mente l’idea di creare Enosearcher.

Davide: Durante il lockdown volevamo acquistare del vino cercando l’offerta migliore. Navigando sul web, non abbiamo trovato nulla, però, che ci permettesse di comparare le varie offerte. E’ nata così l’idea di sviluppare un portale che semplificasse questa fase dell’acquisto.

UW: Cosa offre Enosearcher all’utente?

Davide: Fondamentalmente potremmo riassumere l’offerta in tre punti. – Possibilità di cercare i vini all’interno di un catalogo composto da più di 150 enoteche online e un totale di circa 100.000 referenze. – Comparare le varie offerte e trovare quella migliore. – Scoprire nuovi vini grazie alla funzione che segnala dei prodotti correlati simili, all’interno della propria pagina di ricerca.

UW: In cosa vi differenziate dagli altri?

Davide: Sostanzialmente non esistono portali simili. Prima un utente in cerca di vino poteva inserire la propria ricerca in google ed aprire le diverse pagine listate nei risultati oppure utilizzare altri siti che però non riescono ad aggregare le offerte per ogni singolo vino.

UW: Che vini trovano gli utenti?

Davide: Al momento ci siamo focalizzati sui vini italiani. Entro la fine del 2020 inseriremo tutti i vini del nostro paese e poi cominceremo ad inserire anche altri paesi. Sicuramente, il primo passo verso un’offerta estera sarà quella di inserire la categoria degli Champagne!

UW: C’è un costo per l’utilizzo del portale?

Davide: Assolutamente no. L’utilizzo è completamente gratuito.

Con Davide, abbiamo affrontato anche il tema della tecnologia utilizzata per lo sviluppo del portale e delle tante ore di lavoro che stanno dietro la realizzazione di un progetto simile, ma non voglio essere pesante ;).

Per ora ci basta sapere che Enosearcher è ancora agli albori e tante sono le idee per il futuro. A breve il sito verrà tradotto anche in inglese e sarà possibile scaricare il pdf delle schede tecniche dei vini.

Insomma, uno strumento che mancava, che farà contenti i consumatori di vino e che, sicuramente, sarà migliorato ed accresciuto in contenuti. Questo è solo l’inizio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.