Palazzo Tronconi, ossia, i vini di Marco Marrocco. Nelle campagne di Arce si coltivano antichi vitigni che resero famosa l'area in tutto il Regno di Napoli. Il Lecinaro e l’Ulivello nero, il Pampanaro, il Capolongo ed il Maturano bianco, oltre a Malvasia PuntinataMoscato di Terracina e Syrah.

Fulcro dell'approccio in vigna è il metodo biodinamico che aiuta a ristabilire un naturale equilibro dei suoli, grazie ai quali la pianta è libera di esprimersi e cresce sana. In cantina non ci sono compromessi e tutte le vinificazioni sono spontanee.

Vini onesti e sinceri che ci restituiscono nel bicchiere tutta la natura selvaggia del basso Lazio.