Horus 2019 Lammidia

23,90

Solo 3 pezzi disponibili

COD: AA00016 Categorie: , Tag:

Tipologia: Bianco
Produttore: Lammidia
Paese: Italia Regione: Abruzzo
Vitigni: Sauvignon Blanc 100%
Gradazione: 11,5%
Formato: 0,75 l

Vinificazione: Fermentazione spontanea con brevissimo contatto con le bucce. Non subisce chiarifiche e filtrazioni. Senza solfiti aggiunti.

Affinamento: Vasche di cemento.

Naso: Intenso con profumi di frutta tropicale ed erbe aromatiche
Gusto: Scattante e beverino con un buon corpo
Abbinamenti: Antipasti e primi piatti di pesce

 

UNCONVENTIONAL WINE NOTES

Sauvignon Blanc in purezza che fermenta spontaneamente con un breve contatto con le bucce. Non un orange wine in senso stretto ma le bucce apportano una certa struttura che si ritrova nel sorso.

Intenso con profumi di frutta tropicale ed  erbe aromatiche.

Si consiglia di servire ad una temperatura di 10°-12°C.

Brand

Lammidia

Prendi due amici, la passione per il vino genuino e mescola bene. Aggiungi solo uva e servi in tavola: LAMMIDIA è pronta. Marco Gentile e Davide Giuliani sono diventati, in breve, un vero e proprio riferimento nel mondo del vino naturale. I loro vini sono immediati, veri e sinceri. Il loro motto è 100% uva e basta. LAMMIDIA si trova a Villa Celiera a circa 770 m slm, in Abruzzo. Chi meglio di loro può descrivere il loro mondo: "Nella nostra cantina non sono mai entrate sostanze chimiche; tutti i processi sono gestiti meccanicamente, con l’aiuto sempre prezioso di tanti amici che, dio li benedica, sono sempre pronti a dare una mano per un buon pranzo e tanto buon vino. Usiamo prevalentemente contenitori in cemento, ideati, disegnati e costruiti da noi per poter gestire i diversi processi; infatti ci consentono di fare la fermentazione pellicolare, anche con il cappello sommerso, la macerazione carbonica con i grappoli interi e poi l’affinamento. La chiusura superiore è con un vetro trasparente che ci consente di avere sempre sott’occhio cosa succede. Nella cantina per l’invecchiamento abbiamo anche delle anfore di terracotta, qualche contenitore in acciaio e in vetroresina. Avevamo delle barrique, ma ne abbiamo fatto dei tavolini… avevamo un’impronta troppo forte! Ci riproveremo più avanti!" La'mmidia , in dialetto abruzzese, indica l'invidia o il malocchio. Nella tradizione popolare le donne di un tempo utilizzavano (e si utilizza ancora oggi) un’antica pratica fatta di acqua, olio e formule magiche per liberarsene. Quando Davide e Marco provarono a fare per la prima volta il vino, la fermentazione non partiva; fu così che la nonna Antonia li ha aiutati, compiendo l'antico rito. In pochi minuti la fermentazione è partita più sprintosa che mai. Da quel giorno, tutti gli anni, Nonna Antonia toglie "la'mmidia" prima di inziare ogni vendemmia!