Orange One 2018 Paraschos

34,50

Disponibile

COD: AA00145 Categoria: Tag:

Tipologia: Bianco Macerato
Produttore: Paraschos
Paese: Italia Regione: Friuli Venezia Giulia
Vitigni: Friulano, Malvasia Istriana e Ribolla Gialla
Gradazione: 12,5%
Formato: 0,75 l

Vinificazione: Fermentazione spontanea con lunga macerazione a contatto con le bucce.

Affinamento: Botti grandi di rovere di Slavonia. Non filtrato e non chiarificato. Senza solgiti aggiunti.


Naso: Ginestra, frutta gialla in confettura, miele e spezie dolci.

Gusto: Dinamico e intrigante con retrogusto tostato.
Abbinamenti: Carni bianche in umido. Formaggi semistagionati.

 

UNCONVENTIONAL WINE NOTES

Il vero “bianco” goriziano da uve friulano, malvasia istriana e ribolla gialla. Uve raccolte a piena maturazione in più riprese. Macerazione con le bucce in tini separati per periodi più o meno lunghi. Fermentazione spontanea a temperatura di cantina con follature manuali continue. Svinatura, travaso a caduta e lungo affinamento di 30 mesi sul lievito fine in botti grandi di rovere di Slavonia. 

Si consiglia di servire ad una temperatura di 12°-14°C.

Brand

Paraschos

Paraschos è una piccola azienda vitivinicola a conduzione famigliare a San Floriano del Collio, in Friuli Venezia Giulia. La Famiglia Paraschos è di origine greca ma trapiantata in Friuli Venezia Giulia da generazioni.

Oggi la cantina è guidata da Evangelos, che si dedica alla vigna e alle vinificazioni senza scendere a compromessi. Sono 6 gli ettari di proprietà coltivati sia con vitigni autoctoni sia con varietà ormai "accasate" in questa area: Ribolla gialla, Friulano, Merlot, Chardonnay, etc... La coltivazione dei vigneti è condotta con rigoroso rispetto per il consumatore e per l'ambiente. Non vengono infatti utilizzati concimi chimici, diserbanti o antiparassitari nocivi. I vigneti sono tutti inerbiti, il terreno viene mosso solo d'inverno se necessario. Le concimazioni avvengono solo saltuariamente ed esclusivamente con letame animale appropriatamente stagionato.

Estrema importanza viene data inoltre all'età delle piante.

Lasciandole crescere secondo i loro ritmi naturali, raggiungono età molto più avanzate, diffondendo radici in profondità. In cantina, l'uva, sana e matura, viene privata dei raspi e lasciata macerare con le bucce in tini aperti, senza il controllo della temperatura e senza l'aggiunta di anidride solforosa. Le fermentazioni avvengono spontaneamente, senza l'inoculo di lieviti selezionati esterni.

Segue un lungo affinamento in botti di rovere grandi sui propri lieviti. Nella nuova cantina, costruita nel 2003 non sono mai stati introdotti lieviti industriali. Vini veri che riscoprono il valore del tempo e si concedono senza veli a chi saprà, sapientemente, aspettarli!